11 febbraio 2017

Ti amo per caso (Brittainy C.Cherry)

In Italia “Ti amo per caso” di Brittainy C. Cherry è arrivato solo da poche settimane (in ebook 19 dicembre 2016), grazie, come spesso accade, alla Newton Compton che poi, visto il successo dell’edizione digitale, lo ha reso disponibile in cartaceo dal 12 gennaio 2017. Questo contemporary/new adult romance, nato dalla brillante mente dell’autrice americana, è il primo della serie “Elements”. Collezione per ora composta da quattro romanzi autoconclusivi.

Ti amo per caso

Brittainy C. Cherry


Titolo Originale: The air he breathes #1
Editore: Newton Compton Editore
Serie: Elements series (Autoconclusivo)

Trama: Hai presente quello spazio che c’è tra un incubo e un bellissimo sogno? Quando il domani non arriva mai e il passato non fa più male? Sì, proprio dove il mio cuore batte allo stesso identico ritmo del tuo, il tempo non esiste ed è facile respirare? È lì che voglio vivere con te». Mi avevano messa in guardia su Tristan Cole. «Stai lontana da lui», mi diceva la gente. «È crudele». «È freddo». È semplice giudicare un uomo dal suo passato. Troppo facile guardare Tristan e vedere un mostro. Ma io non potevo farlo. Ho riconosciuto il male che si portava dentro, perché era simile a quello che viveva in me. Eravamo due persone svuotate. Entrambi alla ricerca di qualcosa di diverso. E insieme abbiamo deciso di provare a riunire i frammenti del nostro passato. Poi, forse, avremmo potuto finalmente ricordarci di respirare…
Questa è una storia intensa, dove il dolore e la rinascita sono i cardini sui quali va sviluppandosi la storia. I personaggi sono ancorati ai rispettivi passati, alle loro vite “precedenti”; al "prima" che tragici eventi le mettessero a soqquadro. Da un lato c’è il solitario Tristan Cole, nuovo in città e per tutti strano e burbero, al punto da esser considerato pericoloso. Dall’altra parte c’è la 29enne mamma vedova Elizabeth, disperata per la sua perdita ma eccezionalmente forte per la sua piccola Emma (5 anni, una bimba tutto pepe e dolcezza, con una passione per gli zombie e un’intelligenza notevole). Quello che nasce tra Elizabeth e Tristan è un rapporto altalenante, caratterizzato da lunghi silenzi, discussioni, piccole e grandi confidenze, senso di colpa rispetto al proprio passato. Una relazione nata dalla disperazione dolorosa di voler vivere l’illusione delle rispettive vite passate. Una storia che va ben oltre i pregiudizi e pettegolezzi perché Tristan ed Elizabeth si capiscono vivono lo stesso dolore: entrambi hanno perso quanto di più caro avessero. Lei ha perso il marito in un terribile incidente stradale, lui la moglie ed il figlio di 8 anni, anche loro morti d’incidente.
Se, però, Lizzie mostra la sua forza per il bene della piccola Emma, Tristan non ha più nessuno, ha spento tutte le emozioni “buone”; nessuno dovrebbe sopravvivere al proprio figlio e il dolore di Tristan lo sta divorando da dentro, con sensi di colpa e rabbia. In questo rispettivo limbo di dolore, i due protagonisti hanno trovato il modo di rivivere i ricordi del loro passato, un’illusione forte di poter riavere con sé i rispettivi partner e la fonte di un sostegno reciproco. 
"Ogni secondo. Ogni. Minuto. Ogni ora. Ogni giorno.”
È la loro promessa di esserci per non crollare definitivamente; promessa che resterà tale anche quando le emozioni vissute insieme, cambiano, facendo restare Lizzie e Tristan nel loro presente, nella consapevolezza che vivere nel ricordo è ancor più dannoso del dolore stesso della perdita e quell’amicizia è diventata amore. Vero, reale, non una mera illusione del passato.
L’autrice, tramite la narrazione a pov alternati, ci permette di conoscere abbastanza a fondo entrambi questi personaggi, a cui è impossibile non legarsi, forse proprio perché così emotivamente segnati e fragili, rotti, ma terribilmente reali nel loro dramma.  La lettura dei flashback e del presente di Tristan, sono veramente intensi e caratterizzati dal lacerante dolore che porta con sé, rendendolo, se vogliamo, così dirompente da non lasciare del tutto indenne chi ne legge i contenuti. A smorzare tutta la tensione del dolore, l’autrice ha inserito scene di leggerezza emotiva che riguardano i siparietti dell’irriverente Feye e la sua ossessione del sesso senza complicazioni; altre scene “soft” riguardano la buffa e tenera Emma, che con la spontaneità caratteristica e l’atipica maturità dei suoi 5 anni, da vita a scambi di battute che anestetizzano un po’ il dolore e la cruda realtà, dando modo al lettore di “respirare”. È anche grazie alla sua figura che il lato buono di Tristan viene mostrato. È lui l’uomo con cui sviluppa un sincero rapporto padre adottivo/figlia.
Di contro a tutte le scene spassosissime volte ad alleggerire il dolore di Tristan ed Elizabeth, c’è la sorprendente figura ambigua di Tanner, che darà vita alla visione negativa dell’amore e attraverso cui la Cherry ci da’ l’esempio di quanto malato, tossico e estremamente pericoloso possa essere un sentimento non corrisposto. Un uomo che sfida il destino con l’ausilio di una monetina, come se la vita fosse solo un gioco.
“Ti amo per caso” è un romanzo, come detto prima, in cui si fondano il dolore più profondo e logorante, l’amore in ogni sua forma e sfumatura, la speranza che non muore mai e in cui è necessario credere, la possibilità di una rinascita dalle proprie ceneri, come le fenici.
La lettura del libro è di quelle che rapisce una pagina dopo l’altra e che resta impressa per lunghissimo tempo nel cuore del lettore.

1 commento:

  1. Io ho adorato più l'altro libro di questa autrice ma questo è stato davvero una bella lettura

    RispondiElimina