11 agosto 2017

BOSSMAN (VI KEELAND)


Buongiorno! Quando ho letto la trama di BOSSMAN, sono rimasta particolarmente intrigata dal personaggio di Chase, anzi più che da lui, dalla descrizione del suo carattere e del suo lavoro: realizzare cosmetici. Leggendo poi speravo che da qualche parte ci fosse la ricetta miracolosa della ceretta indolore (pensavo che qualcuno l’avesse inventata davvero! AHAHAHAHAH).

Bossman
Vi Keeland

+ 1/2

Data pubblicazione: 20/06/2017
Editore: Sperling & Kupfer
Titolo Originale: Bossman
Serie: Standalone
Genere: Contemporary romance
Trama: È durante il peggior appuntamento della sua vita che Reese incontra per la prima volta Chase Parker. Lei è nascosta nel corridoio del bagno di un ristorante e sta disperatamente chiamando la sua migliore amica perché la salvi da quella serata da incubo. Mentre lui, affascinante, brillante e sfacciato quel tanto che basta, sta ascoltando tutto. Dopo qualche battuta tagliente, i due tornano ai rispettivi tavoli. Reese è molto infastidita, eppure non può fare a meno di spiare di nascosto l'indisponente sconosciuto, seduto all'altro capo della sala. Quando improvvisamente lui si alza e si presenta al tavolo di Reese, è convinta che voglia smascherarla; invece, a sorpresa, lui si siede e, fingendosi un amico d'infanzia, si unisce a lei e al suo accompagnatore, che ancora non ha smesso di parlare della madre. D'un tratto la cena prende tutta un'altra piega. Ma, a fine serata, Reese è decisa comunque a ignorare l'interesse e l'attrazione verso l'intraprendente sconosciuto e a non rivederlo più. È convinta che sia un addio. In fondo, quante possibilità ci sono di imbattersi di nuovo in Chase Parker in una città di otto milioni di persone? Ma soprattutto... quante probabilità ci sono che lui finisca per essere il suo capo un mese dopo? La vita saprà sorprendere Reese con una tentazione irresistibile e una struggente prova d'amore.

<<Qual è il primo prodotto che ha inventato?>>
<<La Passera coccolata.>>
Rimasi pietrificata. <<La cosa?>>
Samantha si mise a ridere. <<Adesso che è venduta in cinquanta Paesi di chiama Cera Divina. Ma ai tempi del college era la Passera coccolata.>>
La curiosità di saperne maggiormente su questo genio pazzo è stata tanto forte da non aver resistito dal comprare la copia del romanzo per aggiungerla alla mia già ingolfata libreria. Prima di questo non avevo letto altri titoli della Keeland (a eccezione di “Bastardo fino in fondo”, scritto a quattro mani con Penelope Ward), ma posso dirvi che con questo standalone, Vi Keeland è ufficialmente tra le mie autrici preferite!
In “Bossman” ha creato a una coppia esplosiva: Reese, esperta del settore marketing, e Chase, amministratore delegato della sua azienda di cosmesi e inventore dei brevetti degli stessi. Il loro primo incontro è più un acceso scambio di opinioni, ma l’attrazione è tanta e quando la bella Reese si troverà a lavorare per e con Chase Parker, per entrambi sarà un’ardua impresa resistersi.
Chase è determinato a portare il rapporto con Reese a un livello molto intimo e spinto, Reese dal canto suo, per quanto attratta, è determinata a resistere a tutte le avances del suo bellissimo capo. L’AD è un tipo sui generis, geniale, sciupafemmine e stupefacentemente bello: fisico mozzafiato, fossette che hanno l’effetto della kryptonite, un piercing estremamente erotico, come erotica è la profonda V degli addominali, carattere esuberante, irriverente, lingua sciolta e propensa a inventare storielle assurde…. Ma nonostante tutto legato alla sorella con cui ha un rapporto splendido.
Non avevo mai conosciuto un uomo come lui. Era una persona che non riuscivo a definire… Non sembrava rientrare in nessuna categoria. Un uomo d’affari che gestiva una grande società di successo, eppure somigliava più a una rock star, con quei capelli arruffati e un’ombra di barba. I classici completi fatti su misura coprivano un corpo scolpito e un piercing al capezzolo. Usciva con bionde prosperose e cenava con sconosciuti, eppure aveva un appuntamento settimanale con la sorella.
Resistergli è in pratica impossibile e Reese è pronta a lottare per non rifare l’errore che l’ha allontanata dal suo ex lavoro.
L’autrice, sfruttando il pov alternato, li fa parlare della loro storia e con dei flashback o racconti passati, mette in luce il loro passato. In un primo momento non avevo ben chiaro il senso di tanti piccoli flashback di Chase (veri e propri capitoli brevi, scorci della sua vita con Peyton, la defunta promessa sposa), ma sono molto utili per comprendere il senso della reazione di Chase a un certo punto. La Keeland nella stesura ha equilibrato le riflessioni intime dei personaggi, i loro ragionamenti, con una buona quantità di discorsi diretti, ideando dialoghi coloriti, bollenti, accattivanti e (alcuni) ricchi di doppi sensi a sfondo sessuale, come ad esempio quelli che hanno come protagonista la gatta di Reese (tale Tallulah), una micia di razza Sphynx, soprannominata “Ugly Kitty”, che è paragonata a un altro tipo di micia! Aahahahahahah!!!! Ho riso un sacco su questi giochi di parole creati ad hoc dall’autrice newyorkese!
Il cellulare vibrò. Non riconobbi il numero e il messaggio era criptico.                    Diceva: Tu e Tallulah siete gemelle?
Non manca la sensualità che fa da sfondo al libro per quasi tutto il tempo narrativo. Aspetto che poi è bruscamente interrotto nel momento in cui è dato spazio vero al dolore sopito di Chase e alle rivelazioni su Peyton. Dolore che è accompagnato dal rimorso del protagonista e un rinnovato senso d’inadeguatezza.
Leggere Bossman fa ridere e alzare la temperatura, ma lascia lo spazio di una stretta al cuore che fa sentire tutto il dolore di Chase dentro di sé. Un sentimento profondo che fa anche da bilanciere alla, ormai scontata, spensieratezza che ha accompagnato la lettrice per buona parte della lettura.
Bossman ci ricorda di quanto un uomo può essere 100mila volte più fragile di una donna, se toccato in determinati punti dell’anima. Chase e Reese sono personaggi complementari:
Io ero l’equilibrio per la sua instabilità. Lui il coraggio per la mia paura.
Per la protagonista, lui è il coraggio fatto persona che affronta le paure della stessa Reese, con e per lei. Per Chase, lei è la possibilità di rivivere senza dimenticare, ma bisognerà scoprire se alla fine i protagonisti sono disposti davvero a essere tutto ciò l’uno per l’altra.
<<Credo che mi ci sia voluto tutto questo tempo per capire cosa volesse dire andare avanti. Non significa dimenticare ciò che ti lasci alle spalle. Significa trasformarla in un ricordo e decidere di avere un futuro senza di lei.>>
Questo contemporary della Keeland mi ha sorpreso perché mi aspettavo una storia leggera e sensuale, ma scoprendolo è poi stato molto di più.
È un romanzo dove il potere della delusione e la speranza vanno di pari passo e si scontrano come si intersecano la tensione sessuale con il razionale senso del dovere…trovando un perfetto equilibro nel momento in cui ci si apre e si trova la forza di fidarsi della persona che si ha accanto.
Speranza. È una cosa straordinaria. Cresce dentro di te come un rampicante e si avvolge attorno al tuo cuore, scaldandolo. Finché qualcuno lo calpesta. Allora quel rampicante serra la presa finché il sangue non riesce più a pompare e il tuo cuore muore.

Nessun commento:

Posta un commento